AurelioToday

Via Aurelia: un magazzino come casa d'appuntamento

Al suo interno si prostituivano due donne cinesi che offrivano prestazioni sessuali per 50 euro. Il locale era di proprietà di un italiano

Una casa d'appuntamento ricavata da un ex magazzino seminterrato. E' stata questa la scoperta fatta dagli agenti della squadra mobile di Roma sabato scorso in via Aurelia.

Nell'appartamento c'erano due donne cinesi, entrambe clandestine, che si prostituivano offrendo prestazioni a pagamento per la somma di 50 euro, riservate esclusivamente a clienti italiani.

Il locale sequestrato è risultato di proprietà di un cittadino italiano che dovrà rispondere sotto il profilo amministrativo per la violazione relativa alla diversa destinazione d'uso riservata all'immobile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale a Roma, bomba d'acqua sulla città: tre stazioni metro chiuse. Strade allagate

  • Palazzina a rischio crollo: evacuate 24 famiglie a Ciampino

  • Viabilità: le strade chiuse per sabato 30 novembre e domenica 1 dicembre

  • Omicidio Luca Sacchi, 5 misure cautelari. Nello zaino di Anastasia 70mila euro per 15 chili di droga

  • Tragedia a Ostia, muore bimbo di 11 anni: si era sentito male a scuola

  • Nubifragio a Roma, città allagata dopo due ore di pioggia: sotto accusa il piano foglie che non c'è

Torna su
RomaToday è in caricamento