AurelioToday

Via Aurelia, investito un lupo alle porte di Roma: era un ibrido

Rinvenuta la carcassa di un esemplare all’altezza di Aranova. Lipu: “L'animale investito è un lupo maschio adulto con tratti fenotipici anomali”

La carcassa che lunedì 9 marzo è stata recuperata sulla via Aurelia non appartiene al branco dei lupi capitolini . Ma è l’ennesima dimostrazione del fatto che, dopo secoli di assenza, la specie stia ricolonizzando il territorio alle porte di Roma.

Il ritrovamento

“L'animale investito non faceva parte del nucleo familiare che stiamo monitorando da anni nelle aree interne della Riserva del Litorale Romano” ha fatto sapere la LIPU della Tenuta di Castel di Guido. Referenti dell'associazione, recatasi sulla via Aurelia dove, all’altezza di Aranova è stato rinvenuto l’esemplare, hanno inoltre chiarito che “l'animale investito è un lupo maschio adulto con tratti fenotipici anomali”.

Le caratteristiche anomale

In particolare è stata notata una colorazione più scura di quella che caratterizza il mando del lupo appenninico. Ed anche la mascherina facciale non era presente nell’animale che è stato investito sulla strada. Segnali che lasciano supporre, “con ogni probabilità – ha spiegato la LIPU - un evento di ibridazione più o meno recente”.

I lupi capitolini

Nella Tenuta di Castel di Guido il branco di ibridi continua invece ad essere monitorato. E gode di buona salute. Sono sei gli individui rimasti, vale a dire il maschio (Nerone) e la femmina (Aurelia) riproduttivi. Con loro ci sono anche 4 giovani nati nella primavera del 2019 che hanno “un fenotipo tipico del lupo differente da quello osservabile nell'animale rinvenuto oggi” hanno chiarito i volontari della LIPU. Alla conta mancano quindi alcuni esemplari.

Il branco del Litorale Romano

Dalla cucciolata del 2019 manca sicuramente l’animale la cui carcassa è stata rinvenuta nel novembre scorso. E’ stato abbattuto, all’interno della Riserva del Litorale Romano, con sette colpi di fucile. Dall’elenco di esemplari rimasti nella Tenuta di Castel di Guido spicca anche l’assenza del giovane lupo, nato con la cucciolata del 2018, che si era associato al branco con la funzione di helper. E’ probabilmente andato in dispersione, alla ricerca di una compagna. A lui è quindi consegnata la responsabilità di ricreare, nel territorio capitolino, un branco di lupi non ibridato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli accertamenti necessari

Per quanto riguarda invece l’esemplare investito sull’Aurelia, la sua carcassa è stata consegnata all'Istituto di zooprofilassi di Lazio e Toscana per accertamenti genetici e necroscopici. I primi serviranno a determinare il grado d’ibridazione dell’animale. Il secondo serve a svelare le cause della morte, che, ha ricordato LIPU “con ogni probabilità è riconducibile ad un investimento stradale”. L’ipotesi è concreta.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Castel Sant'Angelo, in bilico sul cornicione del ponte a tre metri dal Tevere

  • Coronavirus: a Roma 12 nuovi casi, sono 23 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento