AurelioToday

Valle Aurelia: Ama e Vigili Urbani sgomberano due insediamenti abusivi

Riportate allo stato normale delle cose due aree in via Stampini e nel parco Giovanni Paolo I in Municipio 18. Giannini: "Continuiamo la vigilanza sul decoro"

Questa mattina ha avuto luogo un intervento di sgombero di insediamenti abusivi in due aree verdi del Municipio 18: un terreno a lato di via Stampini, tra circ.ne Cornelia e Valle Aurelia, nei pressi del Parco del Pineto; e nella boscaglia che caratterizza la parte alta del parco Giovanni Paolo I, in via Moricca, tra Valle Aurelia e via Baldo degli Ubaldi. Nel primo intervento è stato sgombrato un mini accampamento nascosto dalla vegetazione dove cinque persone avevano installato un alloggio di fortuna, contribuendo al degrado dell'area verde. Nel parco di via Moricca sono stati rinvenuti i resti di alcuni giacigli notturni, con materassi, valigie, bottiglie e rifiuti vari. "Continuiamo a vigilare su tutti i parchi e i giardini del Municipio per impedire che vengano occupati e insudiciati da persone che non mostrano il minimo rispetto per il decoro e il verde pubblico - le parole del presidente del Municipio XVIII Daniele Giannini -. Questi interventi ci vengono richiesti continuamente dai residenti dei quartieri che continuano a segnalarci nuovi insediamenti. Ringrazio l'Ama e i Vigili del XVIII Gruppo per la collaborazione che ci hanno dimostrato anche oggi".

DOPPIO INTERVENTO - Il doppio intervento è stato organizzato dalla Presidenza del Municipio 18 in collaborazione con il XVIII Gruppo della Polizia Locale di Roma Capitale, e con l'Ama che ha fornito i mezzi per raccogliere e smaltire i rifiuti rinvenuti. L'operazione odierna segue e completa quella più vasta, organizzata da Roma Capitale, che la scorsa settimana ha consentito lo sgombero di un grande insediamento abusivo sul Monte Ciocci, presso la stazione metro di Valle Aurelia. "A chi ci critica dicendo che con questi sgomberi spostiamo solo il problema in altri quartieri - ha concluso il presidente del Municipio Aurelio - rispondo che non possiamo accettare che i nostri parchi siano ridotti a discariche maleodoranti. Alle persone che continuano ad arrivare a Roma per insediarsi dove capita, dobbiamo far capire che gli spazi pubblici vanno rispettati. Personalmente ritengo che la politica dell'accoglienza debba essere radicalmente ripensata e, fatti salvi i diritti delle persone, lo strumento delle espulsioni debba essere più rigoroso. In caso contrario, il lassismo che ha imperato finora continuerà a dare i frutti che vediamo ogni giorno: l'avvilimento della dignità delle persone e la mancanza di decoro dei quartieri".
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Castel Sant'Angelo, in bilico sul cornicione del ponte a tre metri dal Tevere

  • Coronavirus: a Roma 12 nuovi casi, sono 23 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento